Giocasta

About a (toy)boy

“Ma Gio, potrebbe essere tuo figlio!”
“Ancora con questa storia (sbuffa)! Avrà sì e no una quindicina d’anni meno di me. E comunque a me piace e mi diverte. Un po’ complessato forse, ma intelligentissimo. Pensate: ha risolto un enigma che aveva messo chiunque in difficoltà. È ancora un po’ irrisolto, ma credo di poterlo aiutare a diventare qualcuno… Un pezzo grosso della politica! D’altronde, io nasco First Lady”.

Alcesti e Orfeo

All’inferno l’amore

Amore e inferno. Anzi, l’amore all’inferno.

Non l’inferno figurato in cui si ritrova chi ama e non è ricambiato, quando l’amore diventa un’ossessione o quando si viene lasciati senza un motivo o per qualche motivo (che poi ancora non si è capito cosa è peggio…).

Comunque no, non quell’inferno là, l’inferno quello vero, cioè vero per come ce l’hanno raccontato i miti (va be’ tecnicamente sarebbe l’Ade, l’oltretomba, il regno dei morti…insomma quella roba lì).

La bella addormentata

Lascia dormire il futuro come merita

“Mentre le altre eroine devono affrontare lupi, sorellastre e lavori forzati, a Rosaspina toccano solo cent’anni di sonno. Si risveglia ancora sedicenne ma già psichicamente e fisicamente corredata, pronta a proiettarsi su quel principe che la desta con un bacio e al quale fa subito capire chi comanderà.

cassandra fb

Cassandra, una di noi

Questa vicenda nasce dalla solita incapacità degli dèi di accettare i rifiuti, stalker insicuri che non erano altri.

Uno era Apollo, che con le donne non aveva questo gran successo. Si era innamorato di Dafne e lei aveva preferito diventare un albero, poi di Marpessa che gli aveva preferito un mortale, anche perché temeva che Apollo l’avrebbe lasciata quando sarebbe invecchiata (non che serva essere immortali per avere queste preferenze, comunque).

Il presunto anatroccolo

“La vita è una prigione, ma può diventare una casa se hai la chiave. E la chiave è l’amore”. L’ho sentito dire a Martin Eden (nel film di Pietro Marcello ispirato al romanzo di Jack London).

Cenerentola, o dell’unicità

Un’adolescente esce di casa praticamente per la prima volta nella vita e va a un ballo. Qui conosce il ragazzo dei suoi sogni ma è costretta a rientrare a casa a mezzanotte, proprio quando l’atmosfera si sta scaldando e tutti sono più disinvolti.

Fino a due anni fa poteva pure farci pena, ma ora chi se lo ricorda più com’era stare fuori a scatenarci in pista con un bel ragazzo?